Saluti dal blog

Anche quest’anno è ormai finito e, con la scuola, anche il blog scolastico è terminato. Facciamo i nostri più grati saluti ai nostri lettori.

Il blog riprenderà anche il prossimo anno quindi non disperate perché noi torneremo, forse… se la scuola non esplode o ci arriva un’invasione di zombie.
Grazie per tutto il sostegno che ci avete dato.                                                                                                                                                              GRAZIE

 

Matteo Tabacco 1°C

Artem Shevchenko 1°A

Annunci

Intervista alla preside

IMG-20180522-WA0011 (1)

Il 21 maggio 2018 la preside ANTONELLA CANIATO ci ha concesso una intervista per rispondere ad alcune domande riguardo la scuola ma anche argomenti personali.

 

INVIATA: da quanti anni fa la preside di questa scuola?

PRESIDE: 14 anni.

INVIATA: perché ha deciso di diventare la preside della nostra scuola?

PRESIDE: perché quando mi hanno chiamata per fare prima l’incaricato di presidenza e poi il dirigente conoscevo già la scuola; perché i miei figli hanno frequentato le scuole di questo territorio e abito su questo territorio. La sfida era interessante quindi ho deciso di scegliere questa scuola e di rimanerci. Forse un po’ anche per comodità perché abito a P. Dugnano.

INVIATA: quali cambiamenti ha avviato quando è diventata preside?

PRESIDE: da 14 anni è un cammino di miglioramento, di cose nuove messe in campo, di costruzione di un clima collaborativo che quando sono arrivata non c’era. Tutto ciò mi ha portato a rimanere e a confermare le mie scelte.

INVIATA: secondo lei perché  i ragazzi dovrebbero scegliere di studiare nella nostra scuola?

PRESIDE: perché siamo bravi (sorride)! Perché offriamo tante opportunità. Oltre alla didattica tradizionale, che più o meno è uguale in tutte le scuole, offriamo la continuità degli insegnanti che sono gli stessi ormai  da un po’ di anni, offriamo una serie di corsi pomeridiani e di opportunità che non tutte le scuole del territorio hanno. Quindi credo che qui si entra in una prospettiva di crescita al di là  della didattica frontale.

INVIATA: se un ragazzo dovesse visitare la scuola cosa gli farebbe vedere?

PRESIDE:  sicuramente gli farei vedere lo spazio verde intorno, perché credo che sia un valore aggiunto. L’area verde dà l’idea di essere immersi in qualcosa che non è soltanto ambiente fisico! Poi gli farei vedere il laboratorio di informatica, quello di scienze, quello di arte, tutti i nostri laboratori, perché credo che diano un grande valore alla nostra scuola. Gli farei visitare la palestra e forse anche un paio di classi, magari quelle più grandi. Credo comunque che un po’ tutta la scuola sia da visitare. Già  anche solo l’atrio molto ampio, con i suoi disegni dà una idea di scuola luminosa. Sicuramente nelle classi c’è da lavorare un po’.

INVIATA: quali sono secondo lei i problemi della scuola?

PRESIDE: dipende dal tipo di problemi. Dal punto di vista strutturale ci sono alcune cose da migliorare (imbiancatura da finire, rinnovo di alcuni componenti del mobilio). Per quanto riguarda gli alunni devo ammettere che in questi anni grossi problemi non ce ne sono stati. I ragazzi che crescono creano qualche problemino, ma nulla di irrisolvibile. Con gli insegnanti problemi non  ce ne sono, magari con qualcuno si discute, ma poi ci si chiarisce e si migliora. Particolari problemi da risolvere in sostanza non credo ce ne siano.

INVIATA: quale augurio farebbe ad un alunno alla fine del percorso scolastico delle medie?

PRESIDE: quello di portarsi via di qua l’esperienza del triennio, di portarsi via la capacità di avere una intelligenza libera, perché secondo me noi dobbiamo abituare i ragazzi ad uno spirito critico, a non aver paura, ad imparare ad approfondire le cose, a non fermarsi alla superficie. Quindi, l’augurio è quello di affrontare la scuola superiore e di non perdersi in essa, ma soprattutto di diventare un cittadino pieno di voglia di continuare ad imparare. Questo secondo me è l’augurio migliore che si possa fare. Di non guardarsi mai indietro, di migliorarsi studiando, lavorando, dipende da quello che poi si farà, ma sempre con la voglia di crescere, di costruirsi, di apprendere e di affacciarsi al mondo con un ruolo da protagonista e non da gregario perché a 13 anni avete una vita davanti.

INVIATA: grazie per il suo tempo preside.

PRESIDE: grazie a te, arrivederci.

 

 

Varriale Greta 1^D

Storia di Salvador Allende

Tutti quelli nel nostro istituto sanno che il nome della scuola è  SALVADOR ALLENDE, ma forse non tutti sanno chi è stato questo personaggio e cosa ha fatto.

Beh… ecco a voi qualche informazione:

Continua a leggere Storia di Salvador Allende

Count down

cammello

Oggi, 22 maggio 2018,  mancano poco più di 2 settimane alla fine della scuola e per l’esattezza mancano 17 giorni in totale. Ogni alunno pensa già a cosa fare durante i 3 mesi di vacanza, c’è chi ha già fatto le valige ed è pronto per partire, ci sono anche persone che partono per le vacanze per andare a trovare i parenti, ma, per fortuna, c’è anche chi vuole chiudere l’anno alla perfezione con buoni voti.

L’attesa è troppa anche per me che continuo a pensare a ciò che farò. Sono felicissimo e non vedo l’ora. Credo anche tutti voi, giusto?

SAMUELE MENEGHINI

La maledizione di Canzo

E’ da un po’ che noi (gli alunni della 1°F) stiamo provando ad andare ai Corni di Canzo in viaggio d’istruzione ma non ci riusciamo. Ogni volta viene rinviata: è proprio una maledizione! Continua a leggere La maledizione di Canzo

CCRR “consiglio comunale delle ragazze e de ragazzi”

Il CCRR “Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi” è un progetto per tutte le scuole di Paderno. Il giorno 29 maggio 2017 è stato eletto il CCRR della nostra città, per ogni classe delle quinte un consigliere. Le elezioni si sono tenute nei seguenti istituti: De Marchi, Allende e Don Bosco. Ognuno di loro ha parlato del suo progetto e fra i 24 consiglieri eletti hanno scelto un solo presidente, cioè LUCA FERRO. Ed ecco a  voi  di seguito i progetti che hanno presentato e scelto. Continua a leggere CCRR “consiglio comunale delle ragazze e de ragazzi”

DALLA 5° ELEMENTARE ALLA 1° MEDIA

Il passaggio dalle elementari alle medie all’inizio è stato difficile per me: nuova classe, nuovi compagni, ecc. ma comunque ci si abitua e ho capito che non era poi così tanto male perché pensavo che c’erano dei bulli nella mia classe e si è rilevato il perfetto contrario, i compagni erano simpatici e alcuni loquaci ma l’importante che non erano bulli. Continua a leggere DALLA 5° ELEMENTARE ALLA 1° MEDIA

Vittoria e Abdul

 

In data 11/04/18 ci siamo recati al cinema Metropolis per la visione di un film intitolato “Vittoria e Abdul” che vi consiglio tantissimo…

Il film parlava di una regina di nome Vittoria che era sempre seria, ma dopo l’incontro con un uomo dal sorriso smagliante di nome Abdul la sua vita cambiò. Tutto questo a suo figlio e a tutti i suoi aiutanti non andava proprio giù perché Abdul era di religione musulmana e condizionava la regina. Purtroppo la regina decadde e per il giovane Abdul si mise molto male. Dopo che fu cacciato continuò la sua difficile e umile vita in India tornando al suo vecchio lavoro.

 

Samuele Meneghini

I giochi matematici

I giochi matematici sono delle gare durante le quali i ragazzi di 1^, 2^ e 3^ media possono dimostrare con dei quiz le loro abilità e le loro conoscienze in materia.

I giochi si sono tenuti nel nostro istituto Allende il 14 novembre 2017.

Continua a leggere I giochi matematici

Cyberbullismo

Cos’ è?

Internet è ormai usato da tutti ed è un utile strumento di lavoro, ma può anche portare rischi: uno di questi è il cyberbullismo.

I ragazzi di oggi ormai non distinguono più la vita online da quella offline e non sanno che la loro vita sullo schermo può influenzare quella  privata.

Può essere considerato cyberbullismo  l’uso delle nuove tecnologie per intimorire, molestare, mettere in imbarazzo, far sentire a disagio o escludere altre persone. Questo può portare delle conseguenze anche gravi alla vittima presa di mira: depressione, rabbia e nel peggiore dei casi il suicidio.

Continua a leggere Cyberbullismo